Operazione Botero

Gli uomini del GICO di Firenze hanno colpito una organizzazione legata alla camorra che si dedicava al riciclaggio e all'usura in Campania, Toscana e Lombardia.

A far nascere l'operazione Botero é stata la segnalazione di un deposito da un milione di Euro in una banca di Prato che sarebbe risultato essere frutto dei proventi del traffico di droga che ha come riferimento i fratelli Luigi e Salvatore Muccerino.

I sequestri compiuti nell'ambito dell'operazione hanno un valore stimato superiore ai dieci milioni di Euro.

Gli arresti:
  • Mario Papale, 36 anni, del clan camorrista dei Mazzarella, a lui avrebbero fatto riferimento i fratelli Muccerino.
  • Rosa Iacomino, 37 anni, moglie del Papale
  • Salvatore Coppola, 51 anni, che gestiva i rapporti con diversi clan camorristici, come i Mazzarella
  • Alberto Tradi, 37 anni
  • Michele Iacomino, 64 anni
  • Antonio Iacomino, 60 anni
  • Salvatore Orabona, 37 anni, esponente di spicco dei casalesi, già bersaglio di un clamoroso tentativo di omicidio da parte di Giuseppe Setola, all'interno della faida tra le diverse componenti dei casalesi.
  • Giuseppe Zeno, 37 anni
Fonti: ansa, repubblica

1 commento:

Elena ha detto...

Grande amore mio*-*
e grandi TUTTIII:))

Posta un commento